C'è anche il PAPA'

Ivano Baldassarre

A un certo punto della vita ti stanchi di vivere solo in funzione di te stesso, senti la voglia di occuparti di un altro essere.

“Credo siano parole che illustrano bene il sentimento di chi sceglie di essere padre e soprattutto esprimono il desiderio di fare un salto interiore tra l’essere “giovane” e il divenire adulto con funzioni e responsabilità specifiche. Diventare papà equivale ad aprire una porta che non potrà più essere richiusa e apre a un’esperienza che ci trasforma profondamente; per essere più precisi, è il nostro modo di sentire e di vivere la vita che viene completamente stravolto. Credo che sia utile iniziare il nostro viaggio proprio da qui. Dal nostro desiderio di paternità.

Finalmente abbiamo trovato lavoro, una compagna di cui siamo innamorati, siamo andati a vivere con lei… e lei una sera ci dice che vorrebbe un figlio da noi! Lei vuole un figlio, ed è normale, perché sappiamo che la donna è sempre biologicamente avanti a noi di qualche passo, c’è un orologio biologico dentro di lei che la avverte: “Sei pronta!”.

Per noi è un po’ diverso. Da un punto di vista strettamente biologico non c’è nessuna fretta ( anche si vi sono recenti prove scientifiche relative a un invecchiamento degli spermatozoi che aumenterebbe la percentuale di “incidenti” genetici); siamo fecondi a qualsiasi età dal momento della nostra maturazione sessuale. Quello che gioca un ruolo fondamentale nella nostra scelta è la psiche. Ciò vale ovviamente anche per la donna, ma l’intenso richiamo naturale e biologico al divenire genitore ( avendo un tempo più limitato di fecondità e incorrendo in rischi maggiori con l’avanzare dell’età) in noi è molto più stemperato e bilanciato da una pressoché possibilità di riprodurci.

Che cosa avviene allora dentro di noi quando guardiamo la nostra compagna e rispondiamo “sì, voglio avere un figlio da te”? Di fronte a tale affermazione, ciascun uomo ha motivazioni complesse, profonde e personali, a volte non del tutto nobili.

In alcuni casi, ci può muovere il desiderio di accontentare la nostra compagna per paura di perderla: in altri, attraverso la paternità, vogliamo dimostrare al mondo , ma soprattutto a noi stessi, di essere virili, potenti, “generatori di vita”, per sfuggire a difenderci dai nostri sentimenti di insicurezza. In altri ancora, può muoverci un inconscio desiderio di “fusione”con la nostra partner all’insegna del “io e te una sola cosa, dalla nostra fusione il frutto del nostro amore”, che può nascondere anche spinte di natura regressiva, in una identificazione con il bimbo che sarà dentro di lei. Ma questi aspetti, se non guidano in modo rigido il nostro sentire e il nostro comportamento, non devono spaventare, rientrando il più delle volte all’interno di dinamiche del tutto naturali. (…)

Se un uomo decide di diventare padre, e il suo è un desiderio sul quale queste dinamiche non incidono in modo pesante, allora significa che lui stesso ha iniziato a percepirsi in modo diverso. Sta pensando a sé in modo nuovo. Sta proiettando nella sua mente un’immagine di sé che fino ad allora non aveva mai preso in seria considerazione. (…)

Ricordate la frase che ho citato all’inizio? A quel punto nasce una nuova consapevolezza, di “non essere più solo figlio”, che non si può più vivere solo in funzione dei propri bisogni, siano essi finalizzati al piacere o alla ricerca di una personale realizzazione . Si incomincia a sentire che non si può andare avanti all’infinito, vivendo da “eterno ragazzo” e nasce il desiderio di svolgere una funzione sociale che pone sulla stessa strada percorsa dal proprio padre e prima dal proprio nonno. Si inizia a realizzare che certe rinunce consentono di guadagnare su altri fronti e si ha voglia di “offrirsi”.

Il mistero di questo desiderino può essere completamente svelato. Ne vanno colti alcuni aspetti e intuiti altri. In fondo sulla stessa pagina dove è scritta la parola Amore si rincorrono da sempre anima e cuore, ragione e poesia.”

Segui Bambino Creativo su:

Facebook: https://www.facebook.com/bambinocreativomilano/

Instagram: https://www.instagram.com/cristinasolomon_bc/?hl=it

Twitter: https://twitter.com/BambinoCreativo

Pinterest: https://it.pinterest.com/icristinasolomo/

YouTube: https://www.youtube.com/channel/UC5kb4BlhekTkYjmH7vPBH9A

Fonte:

LIBRO
“C’è anche il papà” Ivano Baldassarre
Leave a reply
Filastrocca marzolinaP di Papà

Leave Your Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *